Sei qui: Home Edifici storici Piobesi d'Alba

Edifici Storici di Piobesi d'Alba

PDF  Stampa  E-mail 
CHIESA DI S. ROCCO

Chiesa Barocca che da un ornamento in gesso sulla facciata della confraternita risulta che questa è stata ricostruita nel 1769. La data di costruzione della chiesa primitiva non è data a sapere ma si presume, dato il nome e la presenza di un affresco e di una tela rappresentanti S. Rocco e S. Bastiano, che essa sia stata edificata come atto propiziatorio che poneva un ingresso della villa sotto la protezione del soprannaturale, mediatori i santi invocati contro la peste. Secondo Francesco Diodo (governatore di Brescia, autore nel 1478 di una biografia del Santo), S. Rocco sarebbe nato nel 1295 a Montpellier e morto nel 1327 ad Angera, dopo aver compiuto prodigi di carità a favore degli appestati e dopo aver sofferto una dura prigionia negli ultimi cinque anni della sua breve vita.

Foto_S._Rocco

SAN PIETRO IN VINCOLI

Dell'antica pieve di S. Pietro si hanno notizie giù nel 901 quando è donata al Vescovo di Asti dall'imperatore Ludovico III. Nel tempo molti sono stati i rifacimenti basti pensare che nel 1605 l?edificio minacciava rovina e dopo il 1650, quando l'ondata di peste era finalmente terminata, avvenne uno dei primi restauri. Il catasto del 1743 ricorda ancora il cimitero attorno ad essa. La chiesa venne in seguito ampliata da una a tre navate con volte a crociera. Nel 1887 nuovi rifacimenti interni promossi da don Coccino, fu acquistato un antico organo e il campanile venne rimosso dalla facciata ed inserito in fondo alla navata di destra, fu edificato con linee lievemente barocche e misura 36 metri di altezza. A cavallo del 1950 altri interventi di ristrutturazione e mantenimento interno ed esterni e gli ultimi grandi lavori vengono eseguiti nel 1977 e nel 2006-2007. All'interno si possono ammirare dipinti su muro e tela di valore storico e artistico che si pensa risalgano alla seconda metà dell'ottocento.

CHIESA S. MARIA AL BRICCO MADONNA IMMACOLATA

La Chiesa di S. Maria venne costruita sulle pendici del Bricco verso il 1400. Nel 1605, essendo ormai la vecchia pieve di S. Pietro inagibile, S. Maria diviene Parrocchiale e quindi viene ricostruita più grande e con il campanile per poter far fronte alle esigenze della popolazione. Una relazione del podestà di piobesi del 1785 la vuole "pericolosa di rovinare" e il 3 dicembre 1786 viene abbattuta. La Cappella della Madonna Immacolata venne ricostruita nel 1845 per volontà degli abitanti del borgo e gli ultimi rifacimenti portano la data del 1978. Gli affreschi in essa presenti risalgono alla seconda metà dell'800 e sono del pittore Macocco di Vezza.